La violenza in una mostra

L’atrio dell’Ospedale San Carlo Borromeo di Milano ha ospitato una mostra di fotografica a cura del fotografo Fedele Costadura dal titolo “Anche per te – Per tutte le donne vittime di violenza”.

Spesso si ignorano i danni fisici e psichici dell’aver subito una violenza, sottovalutando la pericolosità di alcuni comportamenti, ancora tollerati dalla nostra società. 

L’obiettivo di questa mostra è far luce sul tema, sensibilizzando su un fenomeno ancora troppo frequente e informando sui servizi di assistenza psicologica presenti su Milano (maggiori info qui). 

Come professionista, penso che sia molto importante far conoscere alle donne le realtà che offrono assistenza in caso di violenza, ma penso che, in parallelo, sia necessario progettare nuovi interventi per promuovere una cultura basata sul rispetto e sulla tolleranza.

È importante fin dall’educazione dei più piccoli scoraggiare qualsiasi comportamento, fisico o verbale, incentrato sulla violenza e sui pregiudizi e fare in modo che le donne possano sentirsi ogni giorno più sicure di se stesse ed esprimersi con libertà all’interno della propria relazione: la maggior parte dei femminicidi, infatti, avviene ad opera del compagno della vittima.

Per questo motivo la diffusione di una comunicazione basata sull’assertività e sull’empowerment sembra essere un aspetto necessario per far sì che avvenga il cambiamento all’interno della nostra società. 

Non tutto ciò che viene tramandato dalle vecchie generazioni è sano e degno di essere mantenuto, per questo motivo è necessario portare la condizione della donna a un livello in cui non è mai stata.

Di seguito alcune foto della mostra.

2 thoughts on “La violenza in una mostra

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s